MAR
POEMAS
Pescadores



Pescador

Il pescatore:
All’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso

Venne alla spiaggia un assassino
due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un’avventura

E chiese al vecchio dammi il pane
ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva "ho sete, ho fame"

E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro le spalle un pescatore

Mosaico pescadores Dietro le spalle un pescatore
e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all’ombra di un cortile

vennero in sella due gendarmi
vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino

Ma all’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso

E aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
(Fabrizio de Andrè)


Pescatore:
Getta le tue reti
buona pesca ci sarà
canta le tue canzoni
che burrasca calmerà
pensa pensa al tuo bambino
al saluto che ti mandò
e tua moglie veglia di buon mattino
con Dio di te parlò
con Dio di te parlò.
Dimmi dimmi mio Signore
dimmi che tornerà
l'uomo mio difendi dal male
dai pericoli che troverà
troppo giovane son io
ed il nero è triste colore
la mia pelle bianca e profumata
ha bisogno di carezze ancora
ha bisogno di carezze ora.
Pesca forza tira pescatore
pesca non ti fermare
poco pesce nella rete
lunghi giorni in mezzo al mare
mare che non t'ha mai dato tanto
mare che fa bestemmiare
quando la sua furia diventa grande
e la sua onda è un gigante
la sua onda è un gigante.
Dimmi dimmi mio Signore
dimmi se tornerà
quell'uomo che sento meno mio
ed un altro mi sorride già
scaccialo dalla mia mente
non indurmi nel peccato
un brivido sento quando mi guarda
e una rosa egli m'ha dato
una rosa lui m'ha dato.
Rosa rossa pegno d'amore
rossa rossa dalla spina
nel silenzio della notte ora
la mia bocca gli è vicina
no per Dio non farlo tornare
dillo tu al mare
è troppo forte questa catena
io non la voglio spezzare
io non la voglio spezzare
Pesca forza tira pescatore
pesca non ti fermare
anche quando l'onda ti solleva forte
e ti toglie dal tuo pensare
e ti spazza via come una foglia al vento
che vien voglia di lasciarsi andare
giù leggero nel suo braccio forte
ma è così cattiva poi la morte
è cosi cattiva poi la morte ?
Dimmi dimmi mio Signore
dimmi che tornerà
quell'uomo che sento l'uomo mio
quell'uomo che non saprà
che non saprà di me e di lui
delle sue promesse vane
di una rosa rossa qui tra le mie dita
di una storia nata già finita
di una storia nata già finita.
Pesca forza tira pescatore
pesca non ti fermare
poco pesce nella rete
lunghi giorni in mezzo al mare
mare che non t'ha mai dato tanto
mare che fa bestemmiare
e si placa e tace senza resa
e ti aspetta per ricominciare
e ti aspetta per ricominciare.
(Pierangelo Bertoli)


Grabado Candia Elegía del niño marinero. Alberti:
[...]
Tendió las redes, ¡qué pena!,
por sobre la mar helada.
Y pescó la luna llena,
sola, en su red plateada.
[...]
¿Qué harás, pescador de oro,
allá en los valles salados
del mar? ¿Hallaste el tesoro
secreto de los pescados?

¡Deja, niño, el salinar
del fondo, y súbeme el cielo
de los peces, y, en tu anzuelo,
mi hortelanita del mar!
(Rafael Alberti)


pescadores Oda al mar. Pablo Neruda:
[...] no golpees tan fuerte,
no grites de ese modo,
abre tu caja verde
y déjanos a todos
en las manos
tu regalo de plata:
el pez de cada día.

Aquí en cada casa
lo queremos
y aunque sea de plata,
de cristal o de luna,
nació para las pobres
cocinas de la tierra.
No lo guardes,
avaro,
corriendo frío como
relámpago mojado
debajo de tus olas.
Ven, ahora,
ábrete
y déjalo
cerca de nuestras manos,
ayúdanos, océano,
padre verde y profundo,
a terminar un día
la pobreza terrestre.
Déjanos
cosechar la infinita
plantación de tus vidas,
tus trigos y tus uvas,
tus bueyes, tus metales,
el esplendor mojado
y el fruto sumergido.
[...]
(Pablo Neruda)


El retorno junto al mar:
Aquellas redes maceradas por las aguas, deshilachadas en las orillas, rotas por pesos extraordinarios, tantas veces remendadas, recompuestas, arregladas, vueltas a tejer, que los primeros pescadores de hombres habían dejado, sin volverse a mirar atrás, en las orillas de Cafarnaum, habían sido acabadas de arreglar por otras personas que las habían guardado, con la prudencia de quien no abandona nunca la casa, porque los sueños son breves y el hambre dura todo lo que dura la vida. [...] La barca, con los trapecios de las velas, los bancos gastados, el timón altivo de color escarlata, había sido para ellos, desde sus primeros años, más querida que la propia casa que los esperaba, allá en la orilla, y que era una masa cúbica enjabelgada y siempre inmóvil. Las horas infinitas de tedio y esperanza acechando el centelleo de las aguas, las sacudidas de las redes, el encapotamiento del cielo, habían llenado la mayor parte de su vida sencilla y pobre. (G.Papini, Historia de Cristo)


[ Inicio | Autores | Descubrimientos 1 | Textos | Byron | Pessoa | Whitman | Neruda | Canarias ]